.
Annunci online

ideazzurra
L'unica cosa di cui aver paura? E' la paura stessa. (Franklin D. Roosevelt)
CULTURA
13 maggio 2012
Ideazzurra: se Gian Antonio Stella fa apologia del fascismo, noi tutti dovremmo riflettere su certe implicazioni

Quando, un insospettabile moderato e famoso giornalista; come Gian Antonio Stella viene colto in flagrante a fare l'apologia del fascismo; con espliciti interrogativi colmi di rimpianti per quell'epoca in cui i soldi avanzavano agli amministratori, e gli ingegneri comunali erano più che sufficienti per progettare e realizzare opere, e questo accadeva anche nelle città d'arte come la serenissima Venezia! Allora occorre riflettere! Rispetto a tanta evidenza, non si può restare indifferenti. Anche perché i richiami alla classe dirigente attuale provengono da più parti, e facendo l'ennesimo confronto con quel passato non ancora passato, si scopre sempre la sconfitta di quell'Italia che nacque in quel famoso 2 giugno. Se poi il monito viene lanciato da Gian Antonio Stella, che non è una testa rasata, né un estremista di casapound, allora è necessaria una buona e sacrosanta pausa di riflessione, per richiamare su questi fatti, proprio i censori e i vari custodi della memoria. Auspicando che, ne facciano ammenda. Infatti, senza farne troppo mistero, l'autore del saggio “LA DERIVA”, già da tempo sorprende il grande pubblico, perché con quel suo modo di scavare nel passato del nostro paese, e quel ricordare che, l'Italia produceva eccellenze, e talvolta ci si ritrova a pensare che, queste erano figlie leggittime di quel fascismo che oggi rappresenta il tabù di molti intellettuali.


Considerato quanto appena detto, appare evidente che si porta il lettore a pensar male, molto male rispetto alla zona proibita che è stata costruita ad arte intorno a tale filosofia di vita (che prese in consegna un paese ancora profondamente diviso, e gli diede non pochi slanci d'orgoglio). Ma questo tabù è alimentato anche da pessime leggi, che vietano agli italiani di essere sé stessi, ragion per cui, in tutti questi anni non s'è riuscito ancora produrre nessun tipo di alternativa rispetto ai vari ritorni al passato.

Ecco, dunque il testo in questione tratto dal libro LA DERIVA

Eppure anche noi, un tempo, eravamo svelti. Un esempio proprio veneziano? Senza tornare al grandioso canale «sborador» scavato in soli 1592 giorni col badile e le carriole, da Porto Viro alla Sacca di Goro per dare nel 1604 un nuovo sbocco al Po, basta ricordare i tre ponti principali costruiti negli anni Trenta del Novecento dall'ingegnere capo del municipio Eugenio Miozzi. Mica un genio coccolato nei salotti di Parigi e di Manhattan: l'ingegnere comunale.

Sapete quanto impiegò per costruire il celeberrimo e lunghissimo Ponte della Libertà che solca la laguna, parallelo al ponte ferroviario edificato a metà Ottocento dagli austriaci, unendo la città serenissima alla terra ferma? Due anni scarsi: 657 giorni. E siccome verso la fine si accorse di avere speso meno di quanto gli avevano dato, decise di usare i soldi avanzati per costruire davanti alla stazione dei treni un nuovo ponte che scavalcasse il Canal Grande, quello degli scalzi. I lavori cominciarono nove giorni dopo l'inaugurazione da parte del Duce del collegamento translagunare: altri 542 giorni ed era pronto anche questo. E siccome verso la fine di questa seconda opera si accorse di nuovo di avere speso meno del previsto, decise di buttar giù il vecchio ponte di ferro dell'Accademia, che versava in condizioni pietose, per sostituirlo con uno provvisorio di legno. Abbattimento, rimozione dei detriti, costruzione del nuovo manufatto e inaugurazione: un mese. Un mese! E il ponte di legno, bellissimo, è ancora lì.

Al che ti domandi: che cosa si è rotto? Quando? Perché? Come mai a un certo punto tutto si è trasformato in progetti di progetti per fare nuovi progetti senza un colpo di piccone?



  • LA DERIVA, RIZZOLI – GIAN ANTONIO STELLA E SERGIO RIZZO – Pag.52



Cosa s'è rotto? Proprio nulla, giusto qualche dettaglio qua e là! Cosa rispondere al giornalista, che ha tutte le ragioni di questo mondo per lamentarsi di questa classe politica? Ma, in effetti, da quando manca la croce bianca sul tricolore, l'Italia, sembra aver preso la via della tangente, e questa via è ben protetta da apposite leggi che la tutelano da quelle pericolosissime persone oneste, a cui fa riferimento il Sig. Stella nel suo libro. Così una volta sistemati a dovere coloro che desiderassero riprendere “the right way” (la strada giusta), non ci resta altro che scegliere tra tipi sinistri e inclini al malaffare. E chiaramente gli esempi non mancano, anzi oserei puntualizzare dicendo che, l'abbondanza di malaffare sinistro è così grandemente palese, che in molti si chiedono come mai la penisola non è ancora sprofondata nel mare dei debiti che questi hanno contratto, e per i quali chiedono al popolo di pagare il conto. Dunque, siamo orfani, senza il nostro passato, e la nostra memoria è drogata da ideologie straniere che non ci appartengono. Siamo vittime di filosofi germanici, che tanto danno hanno recato al mondo intero.

E se per caso, grazie a queste leggi liberticide stessimo spianando la strada a un passato più remoto che metterebbe in discussione anche l'esistenza stessa dell'Italia, nel senso di entità unica e indivisibile, di chi sarebbe la colpa? Lascio senza risposta il quesito, però non credo che la nostra Italia possa uscire sconfitta anche dal confronto con il passato Borbonico e Asburgico, e di tutti quei tiranni stranieri che hanno trattato i nostri antenati come zerbini, sudditi e mai cittadini. Possibile che gli sgherri e guardapiazza borbonici erano meglio della Benemerita Arma dei Carabinieri? E rispetto ai briganti, che dire? Possibile che questi avanzi di medioevo, possono tornare così alla ribalta e rivalutati come eroi romantici? Questi rigurgiti di storia, con tanti patetici ricami che, fantasiosamente ricuciono il passato remoto al presente, fanno un salto all'indietro di oltre 200 anni! E si pongono prepotentemente in relazione col presente attuale. Così, inermi assistiamo all'amnesia degli storici su fatti che riguardano il Novecento, e prendiamo lezioni dai nostalgici del Settecento. Ma è possibile parlare di futuro in questo modo? La verità è un'altra, noi stiamo impiccando il bel paese sulla forca borbonica, stiamo chiudendo la la nostra gloriosa memoria risorgimentale nelle buie carceri di quel regime sanguinario. Gli storici rifiutano il risorgimento perché quell'epoca gloriosa di rinascita, traghettò l'Italia nel fascismo. Questa è la verità! I Borbone torneranno, e voi tutti li farete passare, e quando si accomoderanno sul trono, ridurranno l'Italia in pezzi, avremo di nuovo due Sicilie, “faranno ammuina” e “funiculì, funiculà”. E questo scempio sarà consacrato sull'altare dell'antifascismo.

E non è difficile da immaginare la scena pietosa: interpreti, voi tutti, corrotti dal soldo straniero, col fazzoletto rosso in mano, «i tutori dell'attuale carta costituzionale» con le pance piene e con in tasca ancora i denari con cui venderete la terra dei vostri padri allo straniero, «Voi, vili e nauseabondi mercenari» saluterete allegramente la fine del bel paese cantando, “Bella ciao”.


Una bella canzone pop, potrebbe essere la giusta risposta al noto giornalista del Corriere della Sera: It's too late to apologize(?) - ONE REPUBLIC


POLITICA
9 maggio 2012
Ideazzurra: Flavio Tosi potrebbe diventare il Tosi nazionale. E' lui il vero fenomeno


Il vero fenomeno, di queste amministrative è un iperboreo dal nome romano, che vive nel nordest della nostra grande Italia, sguardo tenebroso, spalle larghe, e schiena dritta. Sembra Costantino Magno, l'imperatore cattolico noto per la famosa visione che gli consegnò la più grande vittoria personale. Costantino veniva giù dalla Gallia, e vide una croce nel cielo, e sotto di essa c'era scritto: in hoc signo vinces. Vedendo tale segno, Costantino fece cambiare i suoi simboli e divenne l'Imperatore Augusto di tutto l'Impero romano. -- Ma ora torniamo ai nostri giorni, lui non si piega ai compromessi, è una testa pensante, e chi sa bene quel che vuole, non può dir tante parole. Così da questa breve introduzione già si capisce di chi sto parlando, è Flavio Tosi il fuoriclasse del nordest, quel catalizzatore di voti che nel 2005, ottenne il record assoluto di preferenze, dico 28.000 preferenze, non sono una passeggiata. Oggi appare rinforzato e in controtendenza rispetto agli altri candidati del carroccio. Anzi si può tranquillamente dire che, ha quasi raddoppiato i suoi consensi. I numeri parlano chiaro, Tosi vola con il 57.40% dei voti con 50.885 preferenze personali, tutte nella sua Verona. Quello che appare dai dati, mostra i numeri d' un'intera città, delle dimensioni di Avellino, in cui tutti gli abitanti abbiano votato per una sola persona, e questa persona è FLAVIO TOSI! Questo è un dato a dir poco sconvolgente, visto il periodo d'incertezza e di crisi, che stiamo vivendo. E poi la Lega Nord è stata travolta da scandali di tale grandezza che sicuramente hanno danneggiato tutti i candidati, oramai quando si parla della lega si pensa subito al TROTA, alla laurea comprata in Albania, al Belsito, nonché alla ndrangheta che investiva nel sud-Africa, soldi della Lega-Nord. Tra l'altro nemmeno l'Africa ha voluto quei soldi leghisti, e li ha rispediti al mittente, aggravando ancora di più l'immagine del partito. Ma nonostante queste non piccole difficoltà, Tosi ne esce addirittura ingigantito, come se appartenesse a un altro partito. Allora la domanda sorge spontanea, se non ci fossero stati questi scandali, quante preferenze avrebbe preso Flavio Tosi? Ecco, da domande come questa si scaturiscono quelle sane riflessioni che portano a valutare meglio i dati delle urne. Infatti il voto dato a Tosi, non è un voto alla Lega Nord, bensì è un voto alla persona, e alle idee un po' atipiche che lo portano sempre su un piano distinto, rispetto al solito gruppo dei dementi come Salvini, Calderoli, Borghezio. E pure Maroni non è che si possa salvare dal terremoto; dopo aver mostrato da ministro, il pugno di ferro contro la criminalità organizzata, lo abbiamo visto impantanato in torbidi giochi di palazzo con Umberto Bossi, nella gestione del Partito leghista. Quindi tornando al riconfermato sindaco della città dell'arena romana, e mi riferisco alla bella Verona, voglio ricordare che a Roma c'è un monumento nazionale che porta il suo nome, è il Teatro Flavio meglio noto col nome di Colosseo. Sia più ambizioso Flavio Tosi, un Tosi nazionale, non sarebbe mica male. Innanzi tutto potrebbe abrogare la Legge Mancino, e si sa che a Montefalcione (in Irpinia) c'erano i briganti (che non godono delle simpatie di chi scrive su questo blog), e qualcuno di loro magari è tuttora anti-italiano e nostalgico di Re Francischiello (Si sappia che Ideazzurra è anti-borbonica), ma chi sa bene quel che vuole non può dir troppe parole. Quindi, esultiamo per questa grande vittoria di un singolo che rappresenta il vero cambiamento. Oramai da qualche anno c'è un vuoto politico, in un'area molto vasta d'elettorato, ci sono tanti, che non vedono più Fini come leader della Destra, e magari un Tosi nazionale potrebbe funzionare. In conclusione, bisogna ricordare che Flavio Tosi tante volte si è mostrato scettico verso il tema della secessione, e nel 2011 ha sfiorato la violazione dello statuto leghista, dichiarando chiaramente di sentirsi italiano, e pure europeo. Ha descritto la secessione, come una roba da accantonare, perché divide, anche tra gli elettori del nord. Detto questo non manca nessun requisito al Sindaco di Verona Flavio Tosi, per creare una (R)epubblica (S)erenissima (I)taliana, e ideazzurra non vede l'ora che questo accada.



sfoglia
aprile        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



click on flag to view
ideazzurra in english


Noi riteniamo che le seguenti verità siano di per se stesse evidenti, tutti gli uomini sono stati creati uguali, dotati dal loro Creatore di Diritti inalienabili, fra questi ci sono, la Vita, la Libertà e la ricerca della Felicità

DICHIARAZIONE D’INDIPENDENZA USA 4 LUGLIO 1776



GOD BLESS AMERICA AND ITALIA
UNITED WE STAND


FORZA ITALIA
CAMPIONI AZZURRI
SEMPRE VINCENTI




Indirizzo E-Mail:
open_linus@libero.it












Io dico che un comunista in una caserma dell’esercito è un comunista di troppo.
Un comunista nella facoltà di un’università è un comunista di troppo.
Un comunista tra i consiglieri americani di Yalta è un comunista di troppo.
E anche se ci fosse stato un solo comunista al Dipartimento di stato, sarebbe stato un comunista di troppo.

J. McCarthy Il 9 luglio 1952 convention repubblicana.



click For english version of ideazzurra





_________________________________________________________

ideazzurra

↑ Grab this Headline Animator



_________________________________________________________

Add to Technorati Favorites

http://www.wikio.it
Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°
 provenienti dal mondo dei blog!
BlogItalia - La directory italiana dei blog
Registra il tuo sito nei motori di ricerca